12 maggio 2013

Prima settimana di nido full time

E' finita la prima settimana intera di frequentazione full time del nido.
 
Se i primi giorni, giovedì e venerdì della scorsa settimana, la nanna con gli amici e la merenda del pomeriggio tutti insieme sono stati una piacevole sorpresa, da lui forse interpretata come una tappa di crescita e un atto di autonomia, ora la realtà della mancanza della mamma si è fatta sentire più marcatamente.
 
Prima, il ballerino trascorreva poche ore lontano da me e per il resto della giornata gli era solitamente concessa tutta la mia attenzione, adesso ben 8 ore della sua quotidianità sono appannaggio di altre persone adulte e tanti consolidati amichetti.
Le educatrici gli cambiano il pannolino più spesso di quanto faccia io, conoscono le sue  modalità di addormentamento e nanna che sono addirittura diverse e più efficaci al nido di quanto lo siano a casa, capiscono il suo linguaggio esattamente come me.
E' ingiustificato, lo so, ma mi sembra che quel tempo prezioso dovesse di diritto continuare ad essere per me...
 
Ogni mattina di questa settimana l'ho lasciato piangente e, fortunatamente, l'ho recuperato sereno, ma prevedibilmente in debito di contatto e vicinanza.
Ogni mattina l'educatrice ha dovuto staccarmelo dalle braccia e dargli una razione in più di coccole provvidenziali che lo hanno rassicurato e aiutato a trascorrere la giornata al nido allegramente, come sempre.
 
Dal momento in cui arrivavamo a casa, tuttavia, la sua vocina piagnucolava "braccio" e pazientemente lo accoglievo tra le mie braccia e me lo tenevo stretto al fianco mentre sbrigavo le faccende più urgenti, o me lo sedevo sulle ginocchia mentre guardavamo i cartoni o leggevamo un libretto.
 
Il debito d'amore e vicinanza non è solo il suo. Non perdo occasione per stringerlo e baciarlo e, a volte, non attendo nemmeno il minimo rumorino notturno per portarlo nel lettone, ma giustifico la nostra voglia di averlo con noi con il periodo di cambiamento che sta attraversando e il bisogno di rassicurazione che, povero cucciolo, deve avere.
 
Non mi pongo domande sulla mia condotta, non mi preoccupo di essere troppo affettuosa, né mi chiedo se stia facendo bene o male. So che quello che faccio è quello di cui abbiamo bisogno in questo momento. 

4 commenti:

  1. E fai benissimo!
    Un abbraccio ad entrambi, che le coccole non fanno mai male!

    RispondiElimina
  2. Quando ho inserito i monelli al nido full time ho "calcolato" il tempo che passavano con le maestre e quello che trascorrevano con me ... ero disperata ... ora mi chiedo quanto sciocca fossi allora ...pero' è un passaggio doveroso ...dopo tanto tempo solo nostri è difficile mollare e lasciarli andare ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, però già oggi le cose vanno meglio. Sarà stata la vicinanza del weekend ma stamattina, nonostante piagnucolasse lo stesso, dopo pochissimo si è lanciato tra le braccia dell'educatrice. E questo mi ha rasserenato parecchio.

      Elimina